Nata    a    Perugia    e    diplomata    nel 1962     in     Maestro     d’Arte     presso l’Istituto      d’Arte      “Bernardino      di Betto”    di    Perugia,    è    guidata    negli studi   dai   professori   Dante   Filippucci e Giovanni Dragoni. Iscritta    all’Accademia    di    Belle    Arti “P.   Vannucci”   di   Perugia,   incontra la     figura     del     Maestro     futurista Gerardo    Dottori.    Dopo    le    prime esperienze      lavorative      a      Milano nella       grafica       pubblicitaria,       si impegna              come              giovane disegnatrice      in      uno      studio      di architettura   a   Perugia,   in   attesa   di conseguire      le      due      abilitazioni all’insegnamento     del     Disegno     e della   Storia   dell’Arte   per   le   scuole di   ogni   ordine   e   grado.   Tale   titolo   le dà     l’opportunità     di     iniziare     una lunga   carriera   come   docente   fino   al 1990.    Da    allora    si    dedica    sempre più         alla         pittura         e         alla sperimentazione              di       diverse tecniche        quali        la        ceramica.
Raggiunge       la       piena       maturità artistica    con    la    pittura    ad    olio, tecnica   di   gran   lunga   la   più   amata e studiata. Ha    esposto    opere    in    31    mostre personali     ed     ha     partecipato     a numerose    collettive    in    varie    città italiane,   con   ampie   segnalazioni   di stampa   e   di   critica   in   cataloghi   e riviste      d’arte.      E'      iscritta      nel Dizionario    degli    Artisti    Liguri    per l’anno   2015.   Molte   sue   opere   sono presenti     in     collezioni     private,     è socia     fondatrice     del     QuiArte     e iscritta   in   più   associazioni   culturali del territorio in cui vive. A      coronamento      di      una      lunga carriera,   nel   2015   una   sua   opera   in ceramica     smaltata,     donata     alla città   di   Perugia,   è   stata   collocata   in permanenza   nella   sede   del      Museo d’Arte    Contemporanea    di    Palazzo della Penna di Perugia.
Home
Biografia
Gallery
“hanno scritto di lei”
Momenti...
Esposizioni
Esposizioni “hanno scritto di lei” Gallery Contatti Home
<<...le mie opere nascono da forti emozioni per un’immagine, una musica, una parola, e subito la tela bianca lasciata sul cavalletto diventa complice della “mia scena”. Solo allora inizio a dipingere!>>
“I COLORI DELLA MEMORIA” Giovanna    Crescini,    persona    sorridente    e    pensosa,    cordiale    e    riservata,    ha tracciato    la    propria    autobiografia    attraverso    una    lunga    sequenza    di    tele    che hanno     disegnato     un     cammino     speculativo     nel     quale     sono     intervenute modificazioni in tempi lunghi e per linee interne, senza vistose impennate. Negli   anni   ha   suscitato   un   vasto   interesse   critico   che,   fissandosi   costantemente sul   colore,   ha   finito   per   indurre   i   suoi   esegeti   a   notevoli   fraintendimenti   delle   sue intenzioni    o    a    monotone    ripetizioni.    Che    i    colori    della    Crescini    siano    forti, luminosi    ed    imperiosi    è    un    dato    di    fatto    che    non    giustifica    tuttavia    un accreditamento    di    anima    felice    ed    ottimista    solo    perché    le    sue    tele    sono illuminate    da    rossi,    vermigli,    verdi    e    azzurri    intensi.    Ancora    meno    possiamo essere   consenzienti   con   coloro   che   liquidano   il   problema   parlando   di   una   sorta di   festival   cromatico.   La   realtà   è   molto   diversa:   il   colore   non   è   un   fine   ma   un mezzo.   Un   mezzo   che   consente   all’artista   molte   soluzioni,   in   primo   luogo   quella di   introdurre   nelle   proprie   tele   un   elemento   fisico   in   virtù   del   quale   fiorisce   un vasto   mondo   di   idee   più   o   meno   evidenti.   Il   costante   interesse   per   la   figura   non consente   di   concludere   che   ci   si   trovi   di   fronte   ad   una   pittura   realista,   ma   ad   una soluzione   artistica   che   si   colloca   fra   l’iperrealismo,   il   simbolismo   e   i   mondi   di sogno   contraddistinti   da   volute   oniriche   che   costruiscono   complesse   trame   di riferimenti   e   di   eci   esistenziali   che   un   estremo   pudore   trattiene   entro   i   limiti dell’accenno    senza    giungere    mai    ad    un    aperto    disvelamento.    Il    poco    spazio disponibile    costringe    a    rimandare    a    tempo    e    a    luoghi    più    opportuni    una completa   esegesi   dell’attività   artistica   di   Giovanna   Crescini   tenendo   anche   conto del   suo   recente   impegno   in   campo   ceramico,   ma   si   può   concludere   che   il   suo mondo   è   simile   a   quello   di   una   scena   teatrale   vista   attraverso   un   velo,   un   velo che   non   giustifica   voli   di   fantasia,   ma   che   chiede   d’intendere   “con   intelletto d’amore” i riposti accenti di uno spirito malinconico. Aldo Maria Pero  
“CHIARO DI LUNA”  Ho   sempre   amato   la   pittura   di   Giovanna   Crescini.   Mi   piacciono   i   suoi   colori,   il gusto   squisito   della   composizione,   il   suo   essere   classica   e   popolare   al   tempo stesso.    Mi    piacciono    i    suoi    racconti.    Perché    Crescini    è    essenzialmente    una narratrice.    Davanti    ad    un    suo    dipinto    -    che    vi    siano    figure    umane,    animali, oggetti     o     persino     lettere     dell’alfabeto     composte     a     formare     parole     non immediatamente   intellegibili   -   è   inevitabile   andare   a   cercare   il   racconto.   Non   è, quella    di    Crescini,    una    pittura    impressionistica.    E’    soprattutto    una    pittura narrativa,   dove   la   narrazione   sconfina   in   una   dimensione   (forse   apparente)   di sogno.   Amo   quelle   donne   velate   racchiuse   da   una   corona   d’alberi,   quei   crocchi di   figure   intente   ad   un   mestiere,   o   a   cercare   libri   su   bancarelle   surreali,   o   quelle donne    -    che    sappiamo    essere    bellissime    -    con    addosso    gli    abiti    leggeri dell’estate.   Si   abusa   molto   del   termine   “mediterraneo”,   eppure   la   pittura   (e   la ceramica   che   talvolta   ne   deriva)   di   Crescini   è   profondamente   mediterranea.   O meglio,   meridionale.   Ho   ravvisato   nei   suoi   quadri   echi   del   grande   e   dimenticato Saverio   Terruso,   e   di   Guttuso,   ma   anche   della   naïveté   -   cioè   di   quella   ingenuità che   prima   di   tutto,   come   vogliono   i   dizionari   antichi,   è   nobiltà   -   di   certi   pittori africani   di   Tingatinga.   Eppure   Giovanna   Crescini   è   un’artista   colta,   per   nulla “ingenua”   nel   senso   che   diamo   abitualmente   al   termine.   Ma   ha   saputo,   forse proprio   perchè   colta,   riconoscere   un   linguaggio   immediato   e   forte   e   farlo,   con straordinaria leggerezza, suo. F. Molteni  
2015    Albissola M. (SV) “Fantasie” Centro Artigianale Restauri Vetrina d’Artista 2016    Carcare Sale di Villa Barrili "Musicalmente" 2017    Perugia Ex Chiesa di Santa Maria della Misericordia “Racconti di Luce” 2018    Albissola M. (SV) Circolo degli Artisti di Pozzo Garitta “Opere Crescini“    Perugia Ex Chiesa di Santa Maria della Misericordia “L’ occhio della mente“
Momenti... Contatti Gallery Contatti Momenti...
“LE GUARDIANE DEL COLORE” L’ardore   del   cremisi,   la   sensualità   del   cinabro,   la   maestosità   del   blu   di   Prussia,   il mistero   delle   terre   d’ombra.   E,   assieme   a   questi,   un’intera   gamma   di   colori   altri, stesi    negli    accostamenti    più    audaci    ed    icastici,    per    la    creazione    di    immagini folgoranti.   È   a   tale   fantasmagoria   cromatica   di   estrazione   futurista,   impressa   con l’energia   e   la   compattezza   della   nitida      pennellata,   che   si   deve   l’impatto   visivo, quanto   mai   emozionante,      per   chi   osserva   le   opere   di   Giovanna   Crescini:   oli   su tela,   e   pigmenti   su   creta   in   forma   di   piatti   e   di   sfere.   Densi   di   significati   simbolici, essendo    proiezioni    di    una    prorompente    interiorità,    questi    colori    divengono l’alfabeto   segnico,   che   consente   alle   immagini   di   raccontarsi   attraverso   il   sogno, il   mito,   l’enigma.   Da   un   montaggio   caleidoscopico   costruito   con   una   così   fervida immaginazione,   le   figure   rimbalzano   con   l’eco   di   narrazioni    visive    incentrate   ora su   un   Eden   lussureggiante,   che   rinvia   ad   alcune   opere   naturalistiche   di   Henri Rousseau;    ora    su    gruppi    di    persone,    spesso    figure    femminili,    dotate    di    un elemento    comune    che    le    unifica    e    insieme    le    isola;    ora    su    oggetti    tra    cui, rilevanti,   le   sedie   lasciate   sole,   emblema   di   solitudine.   Natura,   persone   e      cose prendono   vita,   nelle   opere   di   Giovanna,   svelando   di   lei   quella   solare   pienezza d’amore,   che   è      sostegno   e      guida   di   un   gesto   pittorico   ispirato   in   primis    dal dolce   paesaggio   umbro,   sua   terra   d’origine      e   luogo   dell’anima,      poi   dal   ridente paesaggio   ligure,   terra   di   elezione   e   luogo   di   segreti   incantamenti.   Incanto   e lirismo,   che   nei   dipinti   della   Nostra   si   integrano   con   l’uso   di   una   tecnica   ad   alta definizione   grazie   a   cui   le   figure,   disposte      su   piani   geometrici   di   ascendenza spaziale   cubista,   si   stagliano   in   una   luce   metafisica,   netta   di   ombre.   Una   luce   che armonizza    il    tutto    in        una    sapiente    consonanza    di    opposti:        semplicità    e complessità,      realismo   e   surrealismo   onirico,   chiarezza   e   mistero.   Poiché,   quello di   Giovanna   Crescini   è   un   dinamismo   creativo   pari   a   un   vento   impetuoso,   che soffiando su ogni dipinto vi accende atmosfere colme delle pulsioni e dei fremiti del   nostro   tempo.   E   fa   di   lei   un’artista,   che   trova   nella   pittura   sia   la   propria intensa   ragione   di   esistere,   sia   la   propria   forte,   inconfondibile   identità   nello scenario della pittura contemporanea. Franca Maria Ferraris                                                                                             
“VOGLIO ANCORA SOGNARE” Stupisce di Giovanna Crescini il fatto che ogni sua mostra personale riesca a presentarci una Giovanna Crescini rinnovata. E’   raro infatti che un’artista, raggiunta   in piena maturità una cifra stilistica riconosciuta e apprezzata, acclarato il gradimento   di un pubblico sensibile e af fezionato, rinunci alla tentazione di trovare agio nel   percorso sperimentato con successo.   Giovanna Crescini non sceglie di “ripetere se stessa”. Sa osare, oltre. Consapevole   che il gioco dell’arte è appunto sapersi mettere in gioco. Come l’obiettivo dell’artista   è la sfida. E la sfida è il divenire, l’andare verso. Anche verso un punto di bianco.   Strutturato nel colore, immerso nel colore il linguaggio della Crescini cerca la   sor gente dalla quale scaturisce tutta l’ener gia cromatica, per farle spazio sulla   superficie della tela. Scorrendo le pagine pittoriche degli anni più recenti la presenza   del   bianco si percepisce come   un’intuizione. Af fiora.   Quasi pudicamente.   E cattura   l’occhio. E’   un gatto tra i personaggi, uno straccio sulla seggiola, una teiera nella   natura morta. Nel   clamore del   colore, Giovanna   Crescini sa   osare un   silenzio. Ed   è proprio quel silenzio a dare alla composizione - sia di figure sia di elementi vegetali e   naturali - il significato di una riflessione. La piacevolezza estetica del quadro è   sempre sostanziata dal pensiero. Il linguaggio di Giovanna Crescini, per quanto   possa apparire “facile”, non si ferma ad una pittura di superficie. Sa indagare nelle   profondità emotive ed emozionali.    Sa essere discorso.   T alvolta l’artista si diverte a scomporre e ricomporre le parole della poesia. Mette le parole dei poeti sulla tela mischiandole a soggetti ricorrenti nella   propria nomenclatura pittorica (parole e pesci, bello!). Pienamente consapevole che la pittura,   come la   poesia -   richiede da   parte di   chi la   fa, e   di chi   vi si   pone dinnanzi, grande capacità di ascolto. Maria T eresa Castellana
B. Cardaci 1999/2002/2003/2006 M.T. Castellana 1991/92/93/2005/06/10/14 T. Piccolini Battaglia 1998 O. Racchi 1998 S. Bottaro 1999/2008/10/13 V. Bucefari 2001 G. Lunardon 2002 F. Molteni 2004/05/14/16 Il Letimbro 1998 Riviera 1999 N. Cassanello 2003 Il Secolo XIX 2004 La Stampa 1995/1999/2008 G. De Gregori 2004/07 M. Pennone 2005/08 S. Alliri 2005/07 C. Marino 2005 G. Latronico 2005 M. Belgiovine 2005 F.M. Ferraris 2006/08/10/14/15/16/17 L. Rossi 2006
P. Gioia 2007 S. Salucci 2007/17/18 I. Trevisan Bach 2007 P. Vintera 2008 A.M. Pero 2009/10/11/12/14/15 B. Cerro 2010/16 F. Marzinot 2011/17/18 S. Pedalino 2011 A.M. Faldini 2013 M. Calleri 2013 L. Visconti 2012 R. Porsenna 2014 L. Chiara 2014 C. Filippi 2014 A. Romizi-Sindaco di Perugia 2017 F. Tuscano 2017 M. Piselli 2017 M. Dragoni 2017 Severini 2018 Elena Sofia Baiocco 2018
Video Video Video